x
Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Consulta la pagina Privacy per maggiori informazioni.
Si
No
Back
Contatti CRM ITA / ENG

Press preview - Pranzi con menti straordinarie

Fantoni e Matteo Ragni | Milano Design Factory | Ottobre 2015 - Maggio 2016

Vogliamo capire meglio cosa facciamo quando progettiamo spazi di lavoro.
Perché nella collaborazione fra Fantoni e Matteo Ragni esistono delle premesse che riguardano proprio un’attitudine al cambiamento, all’attenzione per quello che è nuovo è sorprendente e, per questo, prezioso per la crescita e il benessere delle persone. E, infine, perché Fantoni si fonda su due concetti forti: l’uomo e il lavoro. Fra questi due elementi esiste una dialettica che comprende i bisogni più profondi e primari, una progettualità che si relaziona con un contesto culturale e un portato storico sempre forte e presente, che sostiene il nostro lavoro.

On The Hub. Pranzi al buio con menti straordinarie.

Per molto tempo non abbiamo fatto altro che lavorare.
E abbiamo costruito tanto, anche troppo.

Adesso vogliamo prenderci del tempo per farci delle domande. Perché lavoriamo? Cos’è oggi il lavoro?
Abbiamo lavorato per sostenere noi stessi e le nostre famiglie. O per sentirci sicuri. O per essere più forti, ricchi, potenti. Per essere delle persone integrate. Per realizzare dei sogni semplici: la casa, il viaggio, una famiglia. Abbiamo lavorato per essere persone solide. Abbiamo lavorato per costruire un mondo. E’ ancora così? Pensiamo di no. Vogliamo farcelo raccontare da chi, lavorando, cambia il mondo e lo trasforma in qualcosa che non conosciamo.
Perché il nuovo nasce anche dagli incontri.

Intorno a un Hub per pranzo. Una volta al mese si incontreranno: editori visionari, imprenditori generosi, architetti che pensano riviste, manager che tengono i sogni per mano, chef usciti da Blade Runner, riempitori di spazi vuoti, disegnatori di percorsi lenti, progettisti di città rapide, postini in bicicletta, industriali che hanno venduto tutto, generatori di felicità, medici che cercano pazienti buoni, giornalisti che scrivono quello che ancora non c’è, romanzieri di mondi inesistenti, progettisti di uci digitali.